Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza anche cookie di terze parti. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Comunità Montana Valsassina, Valvarrone, Val D'Esino, Riviera

COMUNICATO STAMPA - Immigrati: un accordo integrato che mette i Comuni al centro del sistema


DIDASCALIA CM VALSASSINA

 

L'accordo territoriale per la realizzazione di un sistema integrato di accoglienza per richiedenti protezione internazionale nel territorio della Provincia di Lecco - in approvazione oggi alla Conferenza dei Sindaci - nasce da un impegnativo lavoro di confronto tra Prefettura e Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci, supportato per la parte tecnica dall’operato della responsabile della Gestione Associata del Distretto di Bellano (la nostra Comunità Montana) che è capofila provinciale per l'Assistenza sociale agli adulti. La proposta tiene conto della situazione e delle problematiche riscontrate da marzo 2014 - data di avvio del sistema di accoglienza - fino ad oggi. A fronte di flussi non contenibili nel breve orizzonte temporale - come comunicato in più occasioni dal Prefetto per conto del Ministero degli Interni - gli obiettivi sono quelli di garantire un sistema unitario di accoglienza, eliminare il dualismo tra strutture convenzionate con la Comunità Montana e convenzionate direttamente dalla Prefettura, definire un limite di accoglienza sostenibile non basato sulla disponibilità di strutture ma sulla popolazione residente (nella misura del 3 per 1000 con eque ripartizioni per aree), disincentivare l'apertura di maxi-centri che creano impatti sociali rilevanti e difficoltà alle comunità locali soprattutto di piccole dimensioni e a valenza turistica, prevedere una trattenuta di 1€ al giorno per profugo per sostenere i costi aggiuntivi del personale e per la loro formazione e soprattutto coinvolgere direttamente i Sindaci nell'identificazione delle strutture idonee.

"L'accordo operativo - chiarisce il Presidente Carlo Signorelli - rende le Amministrazioni Comunali più partecipi alle iniziative di identificazione delle strutture idonee, responsabilizza il Servizio Sociale della Comunità Montana che potrà fruire di fondi aggiuntivi senza gravare sui Comuni e introduce meccanismi più trasparenti e razionali per governare un fenomeno al momento non contenibile”.

File allegati
Comunicato 20151124
Estensione: pdf - Peso: 50.71 Kb
 


Data ultimo aggiornamento: 03-12-2015

Sito Uff. Parco Regionale Grigna Settentrionale
Piano di Zona Bellano
Sito Ufficiale del Distretto Culturale Valsassina
Paesaggio culturale alpino su Wikipedia
Rocce tra lago e cielo
Sito Uff. Manifestazioni Zootecniche Valsassinesi
FRANTOIO e OLIO DOP
ARCHIVIO